Cyberbullismo e cyberbananismo

Condividimi

Cyberbullismo e cyberbananismo

Dicesi Cyberbullismo, composto dai termini cyber e bullismo – il bullismo esercitato via internet. E fin qui ci siamo. Dicesi, invece, cyber-bananismo-fai-da-te un (nuovo) fenomeno per cui la vittima del suddetto bullismo si arrangia.
Vuoi arrivare in TV ma non ti si fila neanche zia? Hai una pagina Facebook, Instagram, Vattelapescagram ma non hai nemmeno un cazzo di hater che te la riempia? Non disperare. Smetti di piangere e organizzati inventandoti il tuo stalker personale!

Occorrente:
  • uno o più profili social;
  • un account email farlocco (meglio se di sesso opposto);
  • un elenco di parolacce pronte all’uso.

Una volta preparati gli ingredienti, ti basterà iniziare a postare qualche insulto qua e là (gli utenti premium possono facilitare l’interazione delle pecore urlanti aprendo altri profili fake con i quali auto-commentarsi l’auto-insulto). Quando le P.U.* partiranno in tua difesa, mostrati sorridente e plastica. Dai corda alle pecore, mentre rispondi ai tuoi stessi improperi con la tolleranza di un Buddha sotto morfina al rientro da una tre giorni full time con Osho.
Lascia passare qualche metro di time-line (altresì detta bacheca) e poi SCREENSHOTTA! A ‘sto punto, manda il tutto a Mediaset #Barbaraaiutami e inizia a pensare al trucco. Le telecamere arriveranno in fretta.
Disclaimer: questo post non ha fonte, ma io sì, solo che non posso rivelarvela perché poi, #giàssapete, dovrei uccidervi.

*pecore ululanti


Leave a Comment